“Vuoti a prendere” Giornata di autoformazione

Sabato 12 Maggio 2018
Casa del Popolo 20Pietre
Promuove il Comitato ESA

“Vuoti a prendere”

Giornata di autoformazione
Esperienze autogestite e organizzate dal basso per la costruzione di  pratiche comuni

 

Nelle ultime settimane molte realtà, associative o informali, spazi sociali, reti di economie alternative e di pratiche mutualistiche, si sono ritrovate in diversi incontri nazionali destinati al superamento delle forme e regole imposte alle Esperienze Sociali Autogestite (ESA) da parte delle amministrazioni, per riaffermare una “giustizia oltre la legalità” e tutelare chi nell’autogestione trova un modello organizzativo per le iniziative sociali e lavorative.

Seppur vero che il riconoscimento delle pratiche e dei percorsi intrapresi dalle realtà dal basso non può essere considerato una mera questione tecnica, dalle iniziative svoltesi nei mesi scorsi e dai confronti con le Esperienze che abbiamo incontrato (tra le altre il movimento per i Beni Comuni Emergenti di Napoli e la Fattoria Senza Padroni di Mondeggi) emerge chiaramente la necessità di andare oltre la constatazione dell’attuale situazione, per condividere progettualità e individuare strumenti tecnici e giuridici che consentano di dare adeguato riconoscimento alle Esperienze autogestite.

Lo stesso Comitato ESA nasce come strumento dettato dalla necessità di costruire percorsi collettivi per un’efficace riproduzione e tutela delle Esperienze autogestite organizzate dal basso.

Per rilanciare e approfondire queste tematiche, invitiamo tutte e tutti il 12 Maggio 2018 a “Vuoti a prendere”, una giornata di autoformazione che, a partire dal racconto di alcune esperienze significative e dai report degli altri recenti incontri, vuole gettare le basi per la costruzione di una cassetta degli attrezzi comune a disposizione delle ESA.

Programma:

Mattino, ore 10 – 13.30

– Presentazione e introduzione di ESA
– La pratica dell’autogestione: Guido Candela e Antonio Senta
– Le delibere del Comune di Napoli sulla individuazione dei beni da adibire ad usi civici
– Le esperienze di “amministrazione condivisa” dal laboratorio per la sussidiarietà e i patti di solidarietà: Flaviano Zandonai
– Riuso temporaneo di immobili abbandonati. Il caso Ada Stecca e altri a Milano arch. Isabella Inti di Temporiuso
– Autogestione e uso temporaneo dai centri sociali alle Case del Popolo. Planimetrie Culturali: Werther Albertazzi, Comitato SI Rigenerazione No Speculazione: Piergiorgio Rocchi
– Report conclusioni del convegno “Mutualismo : pratiche, conflitto, autogestione”: Fuori mercato
– Report conclusioni del convegno “Storie del possibile”. Comune-info Paolo Cacciari
– Report conclusioni convegno “Genuino Clandestino”: Mondeggi Bene Comune

Pomeriggio, ore 14.30 – 17,30

– TAVOLO 1 : Strumenti giuridici a disposizione degli spazi autogestiti. Opportunità oppure ostacoli?
– TAVOLO 2: Dalla autogestione degli spazi alla autogestione del lavoro: come tutelare e sviluppare le forme di economia mutualistica
– Restituzione dei temi più significativi affrontati nei due tavoli

Ore 18 Tavola rotonda

– Rappresentante di Napoli di una delle esperienze di pratiche dei Beni Comuni
– Lucas Silvano Ferro Solè di Podemos Catalugna – Barcellona en comù
– Ugo Mattei di “ Un contratto per la democrazia partecipata “
– Mimmo Perrotta
– Massimo Serafini
– Avv. Elia De Caro
Ulteriori interventi in via di conferma

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.